Giovedì 06 dicembre - De Giovanni

La Congrega Letteraria

... ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglio...

Oscar Wilde

Vuoto per i Bastardi di Pizzofalcone

 

 

Maurizio De Giovanni

Maurizio De Giovanni ,uno dei più grandi giallisti italiani , autore di romanzi di successo che hanno come protagonisti personaggi ormai famosi come il Commissario Luigi Ricciardi, le cui indagini sono ambientate nella Napoli degli anni ’30; l’ispettore Giuseppe Lojacono, che con la sua squadra indaga e risolve i casi nella Napoli contemporanea della serie “I Bastardi di Pizzofalcone”; l’antropologo Marco Di Giacomo che indaga nella Napoli sotterranea del libro, “I Guardiani” e Sara la ex poliziotta che ha il potere di leggere le labbra, ha ricevuto, giovedì sera, a Vietri sul Mare, nella storica e suggestiva sala dell’Oratorio dell’Arciconfraternita del SS Rosario, il prestigioso ” Premio Circolo della Stampa e Stampa Estera Costa d’Amalfi”, per la Sezione Cultura , dai direttori artistici dell’associazione culturale “La Congrega Letteraria”, Antonio Gazia e Alfonso Mauro.

 

De Giovanni prima di ricevere il premio ,insieme alla moglie , l’avvocato Paola Egiziano,che svolge un ruolo importante per lo scrittore napoletano, e al responsabile della “Rete” della “ Congrega Letteraria”, Francesco Citarella, hanno visitato le botteghe artigiane di Vietri sul Mare definita da De Giovanni :” Una perla meravigliosa della nostra Regione: sono felice di essere qui”. Prima della cerimonia di premiazione De Giovanni ha presentato il suo nuovo libro: ” Vuoto – Per i Bastardi di Pizzofalcone” che racconta la storia di una professoressa di Lettere che scompare nel nulla. I Bastardi di Pizzofalcone, a cui si è aggiunto un nuovo elemento arrivato dal Nord per l’assenza forzata di Pisanelli, la bellissima vicecommissaria Elsa Martini, decidono di indagare su questa misteriosa scomparsa . “Scopriranno che anche le vite più piene possono nascondere un vuoto incolmabile. Un vuoto che ha innumerevoli colori: uno per ogni paura, uno per ogni orrore. ” ha spiegato De Giovanni. Durante la serata è stato proiettato un video:” Scritti di Luce – Autori in Immagini e Parole” che fa parte di un progetto ideato dall’attrice e regista teatrale Brunella Caputo , che ha anche letto, mirabilmente, un capitolo del libro , realizzato insieme a Nicola e Armando Cerzosimo , con protagonista Maurizio De Giovanni che cammina per le strade e le piazze “vuote”, del Centro Direzionale di Napoli:” Il vuoto pesa più del pieno , un’assenza conta più di una presenza. Vuoto è uno dei miei romanzi più neri, più duri, ma non c’è un colpo di pistola , una goccia di sangue, una coltellata: c’è solo una scomparsa”. De Giovanni ha ricordato che “ I bastardi” sono tali perché ognuno di loro ha una problematica riconosciuta pubblicamente e ognuno di loro ha qualcosa che non perdona a se stesso “ e dato qualche anticipazione sulla terza serie de “I Bastardi di Pizzofalcone “ che vedremo su Rai1 nel 2020: ” Probabilmente nella seconda puntata sarà raccontata la storia di “Vuoto”. Ci saranno delle novità importanti che interesseranno Aragona e Pisanelli. Le storie personali dei personaggi della terza serie , saranno più forti di quelle della altre due : per dare ritmo alle puntate abbiamo conferito una caratteristica investigativa quasi ad ognuno dei personaggi”. Ad aprile uscirà, inoltre, il nono libro della serie dei Bastardi: “Rabbia per i Bastardi di Pizzofalcone “. Sarà pubblicato anche il dodicesimo romanzo, purtroppo l’ultimo, dedicato al Commissario Ricciardi:” La serie dei libri del Commissario Ricciardi è molto amata dai lettori, è quella più amata dopo quella di Montalbano di Camilleri, ma il commissario Ricciardi è un personaggio che non rimane fermo, sempre uguale, si evolve, e quindi ho il dovere di dare una conclusione a questa storia. Non sopporterei di vedere la noia negli occhi dei miei lettori. Preferisco essere minacciato di morte , ma i miei personaggi non sono dei bancomat”. De Giovanni ha raccontato di come sia diventato scrittore per caso:” Per trent’anni ho lavorato in banca. Prima dei miei quarant’anni non avevo scritto nulla. Alcuni amici, per scherzo, conoscendo la mia passione per la lettura, m’iscrissero a un concorso per giallisti esordienti che si teneva, a giugno, al Caffè Gambrinus di Napoli. Vinsi quella selezione del concorso e la settimana successiva partecipai alla finale a Firenze che vinsi con il mio primo racconto sul Commissario Ricciardi e da allora non sono più riuscito a fermarmi”. Ai tanti giovani presenti in sala De Giovanni ha consigliato di leggere:” La lettura è l’unica palestra possibile per l’immaginazione. La scrittura è fatta per attivare l’immaginazione dei lettori: se io leggo posso costruirmi un personaggio, un’ambientazione, una colonna sonora, e addirittura dei sapori e degli odori. E poi non ho mai visto un lettore protagonista di episodi di violenza. Credo che la lettura e la cultura siano anche un modo per diventare migliori . La lettura è assorbente ed esclusiva: non posso leggere e stare su Facebook o su Whats Up o pensare ai fatti miei. Leggere è come fare un viaggio, è divertirsi, in ogni libro c’è qualcosa di bello. Non credo a quelli che dicono di non avere tempo per leggere: il tempo per la lettura dovrebbero trovarlo tutti. E’ come dire che non si ha il tempo per respirare”. (FOTO DI NICOLA CERZOSIMO)

 

Aniello Palumbo

 

La Congrega Letteraria

Via San Giovanni,16 84019 Vietri sul Mare (SA)

info@lacongregaletteraria.com

 

 

 

 

 

 

 

realizzazione sito e grafica Vincenzo Citarella