Eventi

La Congrega Letteraria

... ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglio...

Oscar Wilde

Gli Eventi

 

...Gli eventi de La Congrega Letteraria, occasioni per stare insieme e parlare di cultura, arte, letteratura, poesia, storia, musica spettacolo...

La storia dell’Arciconfraternita della SS. Annunziata e del SS Rosario, la più antica del Comune di Vietri sul Mare, che ebbe origine nel XV secolo, è stata raccontata dal noto storico vietrese, il professor Aniello Tesauro, nell’ambito degli incontri previsti durante il periodo della mostra d’arte” Cromo Sinfonie a Quattro Mani”, degli artisti Gillo Dorfles e Cesare Serafino, che sarà possibile visitare fino al 22 luglio. Il professor Tesauro, che ha anche pubblicato un libro dedicato alla Congrega di Vietri, edito dalle Arti Grafiche Boccia, ha svelato alcuni importanti dettagli della storia dell’Arciconfraternita durante l’incontro organizzato dall’associazione culturale “La Congrega Letteraria” diretta dal professor Antonio Gazia e da Alfonso Vincenzo Mauro, con la collaborazione di Francesco Citarella e con l’impegno di tanti soci, tra i quali il professor Tesauro che ha pubblicato numerosi libri sulla storia di Vietri “Nel Medioevo era considerata una città” e sui suoi monumenti.

Tesauro ha raccontato che il suo interesse per la Congrega è nato grazie al padre:” Mi accennò la storia della Congrega e io iniziai uno studio negli archivi della Badia di Cava dove scoprii che la Congrega conservava documenti abbastanza singolari a partire dal 1600. La Congrega parte come Confraternita di Santa Maria dell’Obbedienza, con sede decentrata rispetto alla Parrocchia di San Giovanni dove arriva successivamente con la denominazione di Confraternita del SS. Rosario”. Il professor Tesauro ha spiegato il ruolo delle Confraternite nate nel Medioevo:” Erano delle istituzioni di laici che assolvevano a compiti di culto, di formazione cristiana e di assistenza. Nel tempo si sono evolute nelle dinamiche e nelle attenzioni: nel 500 ci fu la proliferazione, nelle parrocchie, delle Congreghe del Rosario a seguito alla vittoria di Lepanto. Ci fu anche l’istituzione della festa del 7 ottobre. C’erano poi i Gesuiti che, quando venivano chiamati a tenere delle missioni popolari, tentavano di lasciare, come eredità di quella missione, l’istituzione di una congregazione che si richiamasse alla loro pastorale. Un gesuita, originario di Eboli, istituì la Congregazione dell’Annunziata a Vietri. Per circa un secolo le due istituzioni: del SS. Rosario e dell’Annunziata, camminarono parallelamente fino a quando nel 1706 il sacerdote Assante di Napoli elaborò dei nuovi statuti e operò una fusione tra delle due associazioni che da allora prenderanno il nome di Congregazione della SS Annunziata e del SS Rosario. Aumentando il numero degli iscritti alla Congregazione, nacque l’esigenza di creare un nuovo oratorio. Il Cavaliere Pizzicaraacquistò, tra il 1706 e il 1707, delle vecchie case che poi vennero demolite per costruire l’Oratorio progettato da Pietro Muscetta, importante “tavolaro” di Cava che ha disegnato anche la Chiesa dell’Avvocatella”. Il professor Tesauro ha ricordato che le pitture parietali e la volta dell’Oratorio furono dipinte da Filippo Pennini di Benevento; che gli scranni in legno furono costruiti da un falegname di origine napoletana: Indennimeo, mentre la pavimentazione del 1700 fu offerta dalla famosa famiglia di ceramisti vietresi: i Cassetta:” Pavimentazione che nell’ 1864 venne trasferita nella sacrestia per essere sostituita dalla pavimentazione offerta dai fratelli Taiani. Anche l’altare maggiore è del 700 mentre i tre pannelli in ceramica sulla facciata sono stati realizzati dal professor Renato Rossi ”.Il professor Tesauro ha anche ricordato che nel 1799 arrivarono i francesi a Vietri:” Rubarono il seicentesco busto argenteo di San Giovanni, realizzato dall’argentiere napoletano De Blasio. Forzarono anche la porta dell’Oratorio e la Congrega dovette sostenere delle spese per ripristinare l’arredo sacro trafugato”. Tesauro ha ricordato che nel 1886, grazie al Ministro della Giustizia e del Culto, il vietrese Diego Taiani, con concessione del Re d’Italia, la Confraternita fu elevata ad Arciconfraternita e spiegato che il popolo vietrese è molto legato alla Congrega. Il professor Tesauro ha concluso il suo intervento auspicando un intervento di restauro sulle pitture parietali dell’Oratorio.

Le diverse sfaccettature dell’amore sono state raccontate nei quattro cortometraggi presentati venerdì sera nello storico Oratorio dell’Arciconfraternita della SS Annunziata e del SS. Rosario di Vietri sul Mare che per una sera si è trasformato nell’ originale sala di un Cineforum. I quattro cortometraggi proposti, che hanno partecipato alle scorse edizioni del “Solofra Film Festival”, sono stati selezionati dal regista Federico Curci, ideatore e curatore dell’importante rassegna cinematografica durante la quale, dal 2006, vengono proposti i migliori corti provenienti da ogni parte del mondo. La serata è stata organizzata dall’associazione culturale “La Congrega Letteraria”, diretta dal professor Antonio Gazia e dal giovane Alfonso Mauro con la collaborazione di Francesco Citarella, nell’ambito della mostra d’arte: “Cromo sinfonie a quattro mani” degli artisti Gillo Dorfles e Cesare Serafino, curata da Marina Imparato e Lucio Afeltra.

I cortometraggi proiettati sono stati: “Paper memoies” di Theo Putzu (Catania) nel quale, in poco più di sette minuti, un anziano signore cerca la sua felicità dentro vecchie foto. Un film che si interroga sul passare del tempo e sul ricordo, tutto realizzato in stop motion con una macchina fotografica; “I frutti sperati” del regista salernitano Ezio Maisto , nel quale si racconta della difficoltà dei giovani di trovare lavoro, ma soprattutto di come trovare le parole per dire ai propri genitori che le loro aspettative non saranno soddisfatte; “Disinstallare un amore” di Alessio Scarso (Ragusa), nel quale il protagonista Andrea ha deciso che vuole cancellare dai suoi ricordi Anna, la sua ex, e uno stravagante imbonitore gli promette che ne cancellerà ogni traccia. Tuttavia, la “formattazione” eliminerà i ricordi brutti facendo riaffiorare quelli più dolci; e “Tana libera tutti” di Vito Palmieri (Bologna), nel quale si racconta dell’amore adolescenziale che nasce tra Emiliano che ha sei anni e si è appena trasferito in un palazzo con un grande cortile, dove ogni giorno scendono a giocare tanti bambini e Flavia, anche lei di sei anni, che però sembra non si sia proprio accorta di lui. Il primo giorno di scuola, però, Emiliano avrà una sorpresa. Durante la serata è stato presentato in anteprima il video – poesia girato il mese scorso proprio a Vietri, sulla spiaggia vicino ai “Due Fratelli”, dal direttore artistico del Solofra Film, Federico Curci, intitolato “Famme sentì cose bone”:” Il testo del video è stato scritto da Sabrina Lettieri che ha dato anche voce alle immagini, ispirata dalle emozioni che vivono i giovani oggi, e ha come protagonista Pasqualina Calocero. La musica del video è stata realizzata da Rocco De Stefano, mentre alle riprese ha partecipato Michele Maffei”, ha spiegato Federico Curci che è tornato a Vietri con grande piacere:” Essere a Vietri mi crea emozione”, per presentare dei corti di alto valore qualitativo, sia culturale che cinematografico:” Tutti hanno ricevuto innumerevoli premi. Un cortometraggio ha il dono di raccontare in modo sintetico una storia, riuscendo nonostante la brevità ad affascinare come un lungometraggio. In meno di 15 minuti racconta la vita e i sentimenti umani”.

 

Aniello Palumbo

 

Conferenza Stampa del 29/09/2016

 

Presentazione degli Atti 2015 e dei finalisti del concorso internazionale di poesia "Poesis 2016"

 

presso il Salone Bottiglieri della Provincia di Salerno

La Congrega Letteraria

Via San Giovanni,16 84019 Vietri sul Mare (SA)

info@lacongregaletteraria.com

 

 

 

 

 

 

 

realizzazione sito e grafica Vincenzo Citarella